Quali microbi possono trovarsi nella nostra bocca?

Oggi, sul Perfecto Journal, parliamo dei microbi che "abitano" nella nostra bocca e, in particolare, di uno studio statunitense che ha rivelato che le buone abitudini di spazzolamento, utilizzo del filo interdentale e visite dentistiche periodiche aiutano effettivamente la salute generale del singolo individuo. Ma approfondiamo le scoperte della ricerca, effettuata dalla Colorado State University, grazie al supporto di un articolo letto sul portale sciencedaily.com.   Pubblicato in Scientific Reports, lo studio condotto dalla Colorado State University si è soffermato sul microbioma del cavo orale, ovvero l'insieme di tutti i microrganismi (compresi batteri e funghi) che si trovano nella nostra bocca. Il risultato è, come prevedibile, a favore di una impeccabile igiene orale ? che, se eseguita con costanza ed attenzione, permette un mantenimento della salute in generale. Dallo studio è emerso, inoltre, che esiste una correlazione tra persone che non vanno regolarmente dal dentista e la presenza di un patogeno che causa la malattia parodontale.   Gli esperimenti si sono resi possibili grazie ad alcuni volontari - 366 in totale, 181 adulti e 185 giovani di età compresa tra 8 e 17 anni ? che si sono sottoposti a tampone orale. Successivamente, gli stessi individui hanno risposto ad un questionario riguardante il proprio stile di vita e le abitudini di salute. I dati di sequenziamento del DNA microbico emersi dalle analisi dei tamponi hanno rivelato che una buona igiene orale influenza la tipologia di batteri che si può trovare nella bocca; in generale, dalla ricerca si evince ancora una volta il forte legame tra salute orale e salute generale di tutto l'organismo. Inoltre, sono stati rilevati altri dati interessanti:
  • chi usa il filo interdentale ha una diversità microbica minore rispetto a chi non lo usa (probabilmente ciò è dovuto a una rimozione più approfondita di batteri nocivi);
  • chi aveva consultato un dentista negli ultimi 3 mesi presentava una complessità microbica inferiore rispetto a chi non andava a controllo dal dentista da 12 mesi o più (probabilmente ciò è dovuto alla rimozione dei batteri grazie alla pulizia dentale);
  • i microbiomi dei giovanissimi (specialmente i bambini di 8/9 anni) erano molto diversi rispetto a quelli degli adulti. Differiscono anche i microbiomi rilevati tra uomini e donne;
  • il peso incide sulla diversità di microbiomi trovati nel cavo orale. In particolare, i ricercatori hanno ipotizzato una correlazione tra obesità infantile e malattia parodontale, causata appunto dalla diversità di microbiomi trovata nei bambini sovrappeso;
  • persone appartenenti allo stesso nucleo familiare hanno dei microbiomi molto simili.
  La salute di tutto il nostro corpo passa anche per una buona igiene orale, che dobbiamo curare con costanza ed attenzione. Cosa ne pensi di questo articolo? Contatta Perfecto e faccelo sapere.
Questo sito è destinato esclusivamente a operatori professionali e riporta dati, prodotti e beni sensibili per la salute e la sicurezza del paziente. Pertanto, per visitare il sito, dichiaro di essere un operatore sanitario OK
X
i
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per disabilitare, in tutto o in parte, i cookie consulta la nostra Informativa cookie
ACCETTA